“Soluzioni inaspettate nascono a volte per caso. “Come si può rendere partecipi gli altri del nostro lavoro?
Documentando” è stata la risposta ed è nata la rivista”

Una scuola per l’Emancipazione

Una scuola per l'Emancipazione Philippe Meirieu, Una scuola per l’emancipazione. Libera dalle nostalgie dei vecchi metodi e da suggestioni alla moda, Roma Armando, 2020   Questo non è solo un libro sulla scuola e sulla pedagogia ma anche di politica dell’educazione. Non è un caso perché la storia personale di Philippe Meirieu è quella di…

25 marzo 2020    Humanitas

Quello che sta interessando la scuola italiana in questi giorni, coinvolgendola tutta, ha qualcosa di eccezionale, come fuori della norma è questa epidemia virale. Riflettiamo.

Insegnanti e studenti sono entrati in contatto tra loro, hanno trovato il modo di incontrarsi tramite la tecnologia, ma questi appuntamenti hanno acquistato la valenza di una rinnovata alleanza, di un desiderio reciproco di ritrovarsi:

  • studenti di ogni ordine e grado manifestano piacere nel collegarsi con skype o con i cellulari per l’appuntamento-lezione con i propri insegnanti. Hanno desiderio di parlare con loro, si interessano anche della loro salute: a loro piace questo brandello di scuola;
  • gli insegnanti si ingegnano in mille modi, superando i limiti della loro specializzazione tecnologica, pur di garantire ai propri studenti il senso di quella connessione che riporta nelle case l’idea della cura dell’altro tipica del migliore insegnamento/apprendimento;
  • il bisogno che accomuna insegnanti e studenti è quello di contatto umano. Non è la tecnologia la protagonista di questi squarci di scuola, quindi, ma l’humanitas che pensavamo sonnecchiasse proprio a scuola.

Quando, dunque, tutto sarà finito e, per dirla con Dante, “usciremo a riveder le stelle”, non dimentichiamo la lezione di questi giorni, ricarichiamo di humanitas le nostre scuole, perché in questo, quando vogliamo, noi insegnanti siamo veramente bravi.

 

Giornelli per Paesaggi Educativi

EDUCARE ALLA RECIPROCITA’

EDUCARE ALLA RECIPROCITA' Bruno Miorali EDUCARE ALLA RECIPROCITA’! – 2020 PREMESSA   In questo momento, con le scuole chiuse, non possiamo che registrare i limiti di una didattica a distanza: non riesce a raggiungere tutti gli alunni, le condizioni di accesso riflettono le disuguaglianze sociali del paese, la didattica troppo spesso ripropone una lezione frontale…