Maria Grazia Berlini

Insegno religione dal 2011, attualmente presso alcune scuole primarie, ma ho insegnato anche alla scuola dell’infanzia e alla secondaria di II grado. L’insegnamento mi entusiasma, forse perché sono relativamente “giovane” in questo ruolo e non sono troppo abbattuta dalla burocrazia scolastica. Questo da quando ho deciso di laurearmi in Scienze Religiose. Prima, per anni, ho svolto il ruolo di pedagogista e coordinatrice pedagogica, presso molti comuni della Romagna, occupandomi di Disabilità, di Servizi per l’infanzia, Centri di Documentazione, formazione per genitori, insegnanti ed operatori della scuola. Alcune collaborazioni con l’Università di Bologna mi hanno permesso di vivere esperienze molto intense di formazione di educatori nelle carceri minorili con il Ministero di Grazia e Giustizia, di Formazione Professionale con il Ministero del Lavoro e di Cooperazione Educativa in Bosnia appena conclusa la guerra. Trasversalmente, l’incontro con grandi maestri e grandi realtà della pedagogia attiva, mi ha sempre sostenuto nella certezza che è bello lavorare con i giovani, che c’è tanto da fare, che tanti stanno lavorando tanto e bene in questo ambito in Italia e nel mondo.Ho collaborato pubblicando alcuni articoli, con le riviste : Hacca Parlante, Infanzia; Bambini; e sono  nella redazione di Paesaggi Educativi dalla fondazione. Ho contribuito alle seguenti pubblicazioni: A.A.V.V. , La scuola Materna e le sue Infanzie; Giorgio Mondadori 1992; (a cura di) A. Canevaro, M.G.Berlini, Potenziali Individuali d’Apprendimento, La Nuova Italia 1996;  postfazione  al testo Attesi Imprevisti di  Paolo Perticari, Bollati Boringhieri 1996; (a cura di) A. Canevaro, M.G.Berlini, A.Camasta, Pedagogia Cooperativa in zone di guerra, Erickson 1998; scrittura del Capitolo V nel testo La qualità come processo. L’esperienza dei nidi forlivesi, a cura di P. Zanelli, Franco Angeli 1998;  introduzione al testo Dire, fare, giocare! I giocattoli di una volta e dintorni di Fiorenzo Montalti, Edizioni d’Inciampo 2019.